La previsione di crescita di Singapore per il 2021 è portata al 6-7%.

Autore, JANICE HENG (11 agosto 2021). La previsione di crescita di Singapore per il 2021 sale tra il 6 e il 7 per cento. Il Business Times.

L’edilizia, la vendita al dettaglio, la gastronomia, l’informatica, la finanza e i trasporti, tra molti altri settori, hanno registrato una crescita significativa nella prima metà del 2021.

La previsione ufficiale di crescita di Singapore per il 2021 è stata aumentata a una gamma di 6-7 per cento, dal precedente intervallo di previsione del 4-6 per cento, il Ministero del Commercio e dell’Industria (MTI) ha detto mercoledì.

Il prodotto interno lordo (PIL) è cresciuto del 14,7 per cento su base annua nel secondo trimestre, meglio delle stime preliminari del 14,3 per cento, superando la crescita dell’1,5 per cento del primo trimestre su una base bassa nel periodo precedente.

In termini assoluti, tuttavia, il PIL è rimasto lo 0,6% al di sotto del livello pre-pandemia nel secondo trimestre del 2019.

Su una base trimestrale destagionalizzata, l’economia di Singapore si è contratta dell’1,8% nel secondo trimestre, invertendo la crescita del 3,3% nel primo trimestre.

“Sulla base della performance del PIL nel primo trimestre, l’economia di Singapore si è espansa meglio del previsto del 7,7% su base annua nella prima metà dell’anno”, ha detto il segretario permanente per il commercio e l’industria Gabriel Lim.

Nel secondo trimestre, il settore manifatturiero è cresciuto del 17,7 per cento su base annua, estendendo la crescita dell’11,4 per cento del trimestre precedente. La produzione è aumentata in tutti i settori, con i maggiori aumenti nell’ingegneria dei trasporti e nell’ingegneria di precisione.

Tuttavia, su base trimestrale, il settore manifatturiero si è contratto del 2,5 per cento, ritirandosi dalla crescita dell’11,5 per cento del primo trimestre.

La produzione nel settore delle costruzioni è più che raddoppiata su una base bassa, dato che la maggior parte delle attività di costruzione domestica era stata sospesa nel periodo di “interruzione del circuito” un anno fa.

In termini assoluti, il valore aggiunto del settore è rimasto del 29% al di sotto del livello pre-pandemico del secondo trimestre del 2019. Su base trimestrale, il settore si è contratto del 7,6%, invertendo la crescita del 4,3% del primo trimestre.

Il basso effetto base dello “switch” ha anche permesso una forte crescita nei settori del commercio al dettaglio (50,7%), dei servizi di ristorazione (36,7%), dell’immobiliare (25,8%) e del trasporto e stoccaggio (20,9%).

Anche la maggior parte degli altri settori è cresciuta: alloggio (13,2%), informazione e comunicazione (9,6%), servizi professionali (9,4%), finanza e assicurazioni (9,1%), commercio all’ingrosso (2,9%) e “altre industrie di servizi” (15,8%).

L’unica eccezione è stata quella dei servizi amministrativi e di supporto, che si sono contratti dell’1,3% su base annua, anche se si tratta di una moderazione rispetto alla contrazione del 15,1% del primo trimestre.

La previsione aggiornata per l’intero anno tiene conto della performance migliore del previsto dell’economia di Singapore nella prima metà dell’anno, così come i recenti sviluppi economici esterni e interni, ha detto l’MTI.

Nel complesso, la ripresa della domanda esterna di Singapore per il resto dell’anno rimane sulla buona strada, ha detto l’MTI, notando che i tassi di vaccinazione sono aumentati negli Stati Uniti e nella zona euro, mentre la crescita del sud-est asiatico sarà probabilmente più lenta di quanto previsto in precedenza a causa di vincoli pandemici.

“Salvo una grande battuta d’arresto nell’economia globale, l’economia di Singapore dovrebbe continuare a sperimentare una graduale ripresa nella seconda metà dell’anno, in gran parte sostenuta dai settori verso l’esterno”, ha detto.

Il graduale allentamento delle restrizioni nazionali e di frontiera contribuirà anche alla ripresa dei settori orientati al consumo e ad alleviare le carenze di manodopera nei settori che dipendono dai lavoratori migranti.

Tuttavia, l’MTI ha notato che la ripresa di Singapore dovrebbe rimanere irregolare. Le prospettive di crescita rimangono forti per i settori orientati verso l’esterno come la manifattura e il commercio all’ingrosso, così come la finanza e le assicurazioni, l’informazione e le comunicazioni. Ma i settori legati all’aviazione e al turismo dovrebbero riprendersi più lentamente del previsto.

I settori orientati al consumo dovrebbero riprendersi man mano che i vincoli interni si allentano, ma non ci si aspetta che tornino ai livelli pre-pandemici entro la fine dell’anno, in parte a causa delle deboli prospettive per il turismo.

E mentre ci si aspetta che i settori dell’ingegneria e della costruzione offshore e marina vedano una certa ripresa dalla base bassa dell’anno scorso, è probabile che la carenza di manodopera continui a esercitare pressione. Mentre le restrizioni alle frontiere possono alleviare questa situazione, la produzione in questi settori dovrebbe rimanere “sostanzialmente al di sotto dei livelli pre-crisi” anche alla fine dell’anno.

In risposta alle domande dei media, l’economista capo della Monetary Authority of Singapore Edward Robinson ha detto che l’attuale posizione di politica monetaria “rimane appropriata per ora”, e che la gamma aggiornata delle previsioni di crescita rimane coerente con l’attuale posizione politica.

Ha anche confermato che il tasso di cambio effettivo nominale del dollaro di Singapore è all’interno della banda politica, e il suo livello medio da aprile è stato coerente con la posizione politica.

Share This :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La tua rete vendita plug-and-play per espandere il tuo brand su nuovi mercati in tutto il sud-est asiatico.

Iscriviti alla nostra newsletter!

© 2021 YEM Pte Ltd, tutti i diritti riservati. Alimentato da Mukiku